COME SCEGLIERE LA GIUSTA LAVASTOVIGLIE IN 5 MOSSE !!!

Una premessa, nella giungla di offerte, controfferte, Internet, Usato e altro ancora: Penso si sta facendo molta confusione e la conseguenza è che  la competenza viene meno il più delle volte a scapito del cliente utilizzatore che acquista apparecchi venduti al minor prezzo ma che non risolvono appieno i problemi a loro demandati e anzi, il più delle volte peggiorano la situazione.

Se sei un rivenditore o un utilizzatore finale ti suggerisco di leggere questo post, troverai interessanti indicazioni che ti aiuteranno ad  orientarti nella scelta di una macchina lavastoviglie ottimale, che sicuramente darà valore al tuo lavoro.

5 Semplici passi da seguire per analizzare i reali bisogni e individuare un sistema di lavaggio ideale.

5 Semplici domande da porsi da veri professionisti per affrontare l’acquisto o la sostituzione di una lavastoviglie :


              - Chi Sei?

              - Quanto la Usi ?

              - Come la Usi ?

              - Che Durezza hai ?

              - Che Pressione hai ?

   

    TIPO Attività Commerciale:

    (Chi sei?)


Ovviamente le esigenze di un Bar in termini di lavaggio sono differenti rispetto a quelle di un ristorante o di una macelleria sia per differenza di componenti da lavare (tazze, bicchieri, piatti, teglie, coltelli, taglieri ecc.) che in termini di sporco ( caffe’/rossetto – grasso – sangue ecc). Le aziende produttrici hanno pertanto sviluppato e differenziato la produzione di macchine specifiche per ogni tipo di utilizzo:


                - LAVATAZZE/LAVABICCHIERI

                - LAVAPIATTI carico frontale o CAPOTE

                - LAVAOGGETTI

     

    FREQUENZA di utilizzo della Macchina:

    (Quanto la Usi ?)

 

La seconda riflessione nella scelta della macchina giusta è “a che tipologia di utilizzo è destinata la lavastoviglie” “cosa ci devo lavare” e soprattutto “che capacità di produzione deve avere”.Le risposte a questa serie di domande sono fondamentali per la messa a fuoco della macchina giusta e restringono notevolmente il campo. Molte volte si è tentati ad acquistare la macchina “che costa meno”, ma in questo modo si rischia di spendere malissimo i propri soldi e di non acquistare il giusto prodotto che possa risolvere la mole di lavoro prevista, causando disagi e spreco di energie e soldi.

La Potenza Riscaldamento Boiler e il Dispositivo Termostop sono due componenti importantissime da considerare nella scelta della macchina giusta.

Le Lavastoviglie anche appartenenti alla stessa famiglia (lavatazze, lavapiatti, lava oggetti) non sono tutte uguali anzi le differenze identificano la macchina più adatta alla nostra attività.

Se abbiamo bisogno di effettuare frequenti lavaggi uno dietro l’altro, non ci possiamo accontentare di una macchina “Lenta” dal punto di vista della capacità di riscaldamento del Boiler, in quanto un risciacquo a temperatura non sufficiente provocherebbe la fatidica “schiuma in vasca” dovuta alla reazione del Brillantante e non (come molto spesso si pensa) ad un cattivo dosaggio del detergente che (se di qualità professionale) ha un basso potere schiumogeno.

Questa “schiumazza” provoca un cattivo risciacquo ed una errata asciugatura del bicchiere rendendolo opaco, costringendo l’operatore a un doppio lavoro (ripassare o rilavare)

Inoltre se effettuiamo lavaggi frequenti in fasce orarie ristrette verifichiamo che la lavastoviglie abbia installato il dispositivo TERMOSTOP, che non permette alla stessa di far partire il risciacquo prima che il Boiler abbia raggiunto la giusta temperatura (decisa da noi in considerazione della qualità di lavaggio desiderato).

   

    Altezza Lavaggio Utile:

    (Come la Usi ?)

 

Definire l’altezza di lavaggio utile a noi necessaria per il nostro fabbisogno e identificare la macchina adatta.

Attenzione: molte aziende nelle specifiche delle macchine indicano l’apertura porta e non l’altezza di lavaggio utile, questo dato è incompleto e fuorviante in quanto non tiene conto dello spessore del cestello dove vengono posizionati i piatti o i bicchieri e della distanza dalla lancia di risciacquo superiore.

Es. necessitiamo di lavare bicchieri con altezza  26cm, se        consideriamo una macchina con apertura porta 27cm gli stessi      bicchieri non entreranno in quanto lo spessore del cesto è minimo    1cm e la distanza dalla lancia superiore deve essere minimo 1cm, quindi avremo bisogno di una macchina con apertura porta di minimo 28,5cm.

 

4)  Durezza dell’Acqua:

    (Che Durezza hai ?)

 

La durezza dell’acqua ha un’importanza fondamentale nel processo di lavaggio, come da me descritto nel post dedicato (Importanza della durezza dell'Acqua nella qualità del lavaggio) bisogna conoscerne i valori in gradi francesi (ci sono altre unità di misura ma quella utilizzata prevalentemente è quella dei gradi francesi), determinarne

tali valori determina in la qualità dell’acqua secondo la tabella seguente:

 

                - da 0 a  12° Francesi  ACQUE DOLCI

                - da 12 a 20° Francesi ACQUE MEDIE

                - da 20 a 30° Francesi ACQUE DURE

                - oltre     30° Francesi ACQUE MOLTO DURE

 

Per la misurazione della durezza esistono tester appositi semplici e veloci.

Conoscere la qualità della nostra acqua in termini di durezza è fondamentale sia nella scelta dei detergenti che della macchina da utilizzare, in quanto per acque dolci si devono utilizzare detergenti appositi .

Inoltre il valore della durezza dell’acqua insieme al grado di concentrazione (e quindi di qualità) del detergente utilizzato determina il dosaggio del brillantante e dello stesso detergente (si consigliano sistemi di dosaggio automatico installati a bordo che garantiscono la precisione e evitano sprechi).

Per acque Dure e Molto Dure si consiglia un addolcitore (incorporato o Esterno) oppure un sistema di demineralizzazione a Osmosi.

   

    Pressione dell’Acqua:

    (Che Pressione hai?)

 

Una variabile importante da considerare nella scelta della macchina che viene sempre trascurata è la pressione di alimentazione disponibile.

Tale variabile è fondamentale in quanto molte macchine presenti sul mercato che montano Boiler a atmosferici, utilizzano la pressione di rete per effettuare il risciacquo. Questo significa in termini pratici che in fase di risciacquo l’acqua in entrata effettua una spinta a “pressione” sul boiler facendo fuoriuscire l’acqua calda. Quindi se la pressione di ingresso è bassa questo renderà la pressione di risciacquo insufficiente, se invece la pressione è alta l’effetto è ancora peggiore in quanto la quantità di acqua in ingresso al boiler raffredderà lo stesso velocemente causando un risciacquo a temperatura bassa e conseguentemente la “schiumazza”.

La pressione di rete ideale per un corretto risciacquo (portata acqua e temperatura) con un Boiler a pressione di tipo tradizionale è 2.5 Atmosfere, con una tolleranza di circa il 20% più o meno.

Mi sono trovato in passato in situazioni veramente estreme con pressioni inferiori a 1 Atmosfera o superiori a 8 questo causava disastri in termini di qualità di lavaggio.

Se siete in questa situazione allora è necessario orientare la scelta verso un tipo di macchina con Boiler aperto e non a pressione.

Questo sistema idraulico presente nella linea ELITECH KRUPPS permette di avere sempre un risciacquo a temperatura e pressione costante in qualsiasi condizione di pressione di rete.

Tale accorgimento migliora notevolmente la qualità del lavaggio.

Se poi lo associamo ad un sistema ad osmosi inversa che elimina completamente la presenza di calcaree e altri Sali presenti nell’acqua, e alla linea di Detergenti per acque dolci Krupps, allora la Brillantezza e l’igiene è garantita al 100% e il risultato è massimo

 

 

Conclusioni: 

Quindi se sei un rivenditore o un cliente utilizzatore di macchine lavastoviglie e ti trovi nella necessità di consigliare o acquistarne una, ti consiglio di seguire queste semplici 5 mosse in questo modo otterrai un risultato soddisfacente investirai o farai investire al meglio il denaro tuo o del tuo cliente.

Un cliente consapevolmente soddisfatto del proprio acquisto si trasforma in un cliente fedele che pubblicizzerà la tua competenza e professionalità.

Sul mercato oramai di offerte ce ne sono fin troppe ma lo sforzo che deve essere fatto è nel dare valore al proprio lavoro.

Se  facciamo un giro, nella maggior parte dei locali ci sono macchine che lavano male, non lavano, fanno schiuma, sono intasate dal calcaree e…. altro, che sono frutto di acquisti non ragionati o non opportunamente consigliati raggiungendo così lo scopo di “risparmiare” ma non risolvendo in pieno “i nostri problemi”, allora la domanda da farsi tutti è “cosa è il vero risparmio ?” e “ come si riesce ad ottenerlo ?”

 

 

Diamo valore a quello che facciamo….Life style….


Condividi questo post, o lasciami un commento.

CONDIVIDI SUI SOCIAL

 



Autore del presente articolo:

Giuseppe Casavola

Area Manager

Agenzia Attrezzature Professionali


Se hai trovato questo articolo utile e desideri ricevere i nostri nuovi contenuti, inscriviti alla Newsletter:

Nome Completo
Email *

Potrebbero interessarti anche i seguenti articoli :

Scrivi commento

Commenti: 0